Basket Café Forum

Reply

Pallacanestro Cantu', nessuno ne parla?

« Older   Newer »
view post Posted on 9/11/2012, 00:03 Quote
Avatar

L'Angelo Del Forum

Group:
Member
Posts:
1,542
Location:
Cremona citta' europea dello sport 2013

Status:


CITAZIONE (assist2 @ 8/11/2012, 22:32) 
grande Trinka! :inchino: e grandi tutti :D

Del livello del Trinka sapevamo già ...sono gli altri ''ex Vanoli'' Cusin e soprattutto Tabu che dimostrano quanto si impara giocando in riva al Po :P
 
PM Email  Top
view post Posted on 9/11/2012, 02:04 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 9/11/2012, 06:31 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 9/11/2012, 10:29 Quote
Avatar

We are rocking!

Group:
Member
Posts:
10,489

Status:


Bravi!

"Una cosa a cui tengo....ricordiamoci dei giocatori che vi hanno fatto divertire in questi 20 giorni durante il campionato che sta per iniziare. Cerchiamo di evitare offese e insulti, solo perché indossano una maglia diversa da quella per cui si tifa. Sarebbe un bel passo avanti per il NOSTRO sport. Buona domenica..."
Luigi Datome.
---------------------------
CITAZIONE
Chi sceglierà il "3+4+5", avrà delle spese aggiuntive, si parla di 40mila euro in più a tesseramento per il sesto e settimo tesseramento di "stranieri". (A.Frosini, 03/06/2013)

---------------------------

"Una squadra di basket è come le cinque dita di una mano; se puoi riunirle insieme, allora avrai un pugno. Così è come voglio che voi giochiate." (Coach K)

"To the brave and faithful, nothing is impossible" (Munster Rugby)

"Non vincerete un cazzo ma sarete la squadra più allenata del mondo!"
"In difesa si fa fallo almeno in 4 tanto te ne possono fischiare uno solo!" (Pianigiani)

---------------------

CITAZIONE (doctor darkness @ 15/4/2011, 19:29) 
CITAZIONE ("The Inside Man" @ 14/4/2011, 08:49) 
doctor darkness ma Stipcevic è Rok?! :P :shifty:

Sì, e Slay - visti certi antichi vizi - è Roll (anzi,ROLLa).
Insieme fanno il Rok&Roll, primo schema nel playbook di Recalcati.

CITAZIONE (giobbo89 @ 13/10/2010, 11:30)
CITAZIONE (Luke_Jackson @ 13/10/2010, 10:00)come la vedete per domenica??
CITAZIONE (doctor darkness @ 13/10/2010, 10:05)
In tv o al palazzetto

Perdona doctor, è simpaticamente scemo per natura (doctor, ovviamente scherzo ).
 
PM Email  Top
view post Posted on 12/11/2012, 18:06 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 15/11/2012, 01:44 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 15/11/2012, 22:44 Quote
Avatar

forumista oltre

Group:
Member
Posts:
32,261

Status:


Vabbè....alla fine veramente gli arbitri si son mangiati il fischietto....

IO SONO TESSERATO


LUCIO'S BOYS 2012/2013 (6° classificato)
Ferrarese, Sanguinetti, Ruggiero, Zampolli, Gialloreto, Ceron, Raschi, Pilotti, Fabi, Mian, Raminelli (c), Maspero, Tagliabue, F.Conti, Centrone, Damiani, Del Brocco, Gazzotti, (Zanotti)

LUCIO'S BOYS 2011/2012 (4° classificato)
Ferrarese, Monaldi, Prandin, Iannone, Santolamazza, Cutolo, Fabi, Fontecchio, De Min, Defant, Raminelli (c), Masper, Simeoli, Maganza, Tessitori (Cucinelli)


LUCIO'S BOYS 2010/2011 (5° classificato)
Ferrarese, Piazza, Forray, L.Conte, Rabaglietti, Sandri, Marusic, Andreaus, Raminelli, Ancelotti, Prelazzi (c), Borra
(Vignando, Maganza, Picazio, Malamov)
 
PM Email  Top
view post Posted on 15/11/2012, 22:56 Quote
Avatar

Posso accettare la sconfitta, ma non posso accettare di rinunciare a provarci

Group:
Member
Posts:
5,926
Location:
Città Giardino

Status:


CITAZIONE (Dinaus @ 15/11/2012, 21:44) 
Vabbè....alla fine veramente gli arbitri si son mangiati il fischietto....

Sì, il fischio dovevo farlo.
Ma il metro è stato quello per tutta la partita. Giusto o sbagliato che sia (per me, più la seconda).
Per esempio, su un possesso chiave con palla in mano a Lubiana, Tabu è arrivato da dietro spingendo Rannikko fuori dal campo e han fischiato semplicemente il fuori.
Cantù non l'ha persa per il non fischio, for me.

Edited by Giobbo - 15/11/2012, 22:04

PALLACANESTRO VARESE 2013/2014

d5bh yiyu a90 rszsakdus86 cy27
faw4 rsz91510erikrush vfp polach91 axv2

dsfo


Ciao Sic.
 
PM Email  Top
view post Posted on 15/11/2012, 22:58 Quote
Avatar

VANOLI CREMONA

Group:
Member
Posts:
2,354
Location:
OVERLOOK HOTEL

Status:


Spiace uscire per errori così abnormi degli arbitri... addiruttura al replay il fallo su Tabu era pazzesco..
 
PM Email  Top
view post Posted on 16/11/2012, 11:22 Quote
Avatar

forumista senior

Group:
Member
Posts:
1,254

Status:


Cantù ha fatto 2 imprese vincendo con il Kimkhi e con il Fenerbache.
Avesse vinto queste 2 col Lubiana che erano abbordaboli, era quasi passata.
 
PM Email  Top
view post Posted on 17/11/2012, 01:36 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 17/11/2012, 13:11 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 19/11/2012, 19:43 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 22/11/2012, 15:27 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
view post Posted on 24/11/2012, 07:00 Quote
Avatar

Non sarò nessuno..ma nessuno è come me..

Group:
Member
Posts:
11,859
Location:
Il Pianella ...

Status:



In questa trasferta vinta di 24 e' difficile trovare un peggio.
Voglio solo (e lo so, sono ripetitivo e di parte) fare una menzione d'onore agli Eagles.
Un gruppo compatto, "bello", "pronto", colorato e che canta per 40 minuti.
Tante persone "diverse", con eta' diverse, interessi diversi, vite diverse, ma che per 24 ore diventano identiche.
Mettendo quello striscione davanti a tutti e tutto.
Lasciando a casa morose (la mia ormai non sa nemmeno che esisto la domenica...), problemi, mogli, figli, che prendono il lunedi' di ferie perche' hanno un lavoro "non di scrivania", a cui andarci dopo una trasferta del genere sarebbe decisamente complicato, gente che parte con la febbre, perche' "non si deve mancare".
Gente che rinuncia a uscire magari due sere perche' quei "40 euro" non crescono sugli alberi, gente che si fa aspettare alla partenza e che viene coperto di insulti, ma 10 km dopo si e' gia' amici come prima.
Gente che vive la settimana pensando alla domenica, a "ogni maledetta domenica".
Gente che sotto sotto si vuole un bene dell'anima.
Gente che magari fisicamente non e' presente, ma che e' come se lo fosse, in perenne contatto via sms o via telefono.
Gente che non c'e' per problemi "belli", o problemi "meno belli", ma che per noi e' come se fosse li'.
Gente leale.
Gente che..."la aspetto per fare LA GENTE ..."
Gente a cui ho dato tanto e ho ricevuto tantissimo.
Gente che mi fa emozionare pensando di fare parte di "questa gente"!
ORGOGLIOSAMENTE EAGLES!!!

Lucio


“L’ultima cosa a cui sono abituato sono le scusanti e gli alibi per giustificare una partita come questa – ha iniziato il coach biancoblù - Dal mio punto di vista questa partita non ha avuto alcun tipo di rispetto verso chiunque faccia parte di Cantù e della società. Perché dico che non sono abituato a scusanti? Perché potremmo parlare di stanchezza oggettiva, che c’è, del fatto che dovremmo allenarci, ma i problemi non sono questi. Io credo che si possano perdere le partite per mille motivi: per una scelta difensiva, piuttosto che per un gioco in attacco che non funziona o per la bravura degli avversari. Ma perdere nel modo in cui abbiamo giocato credo sia irrispettoso, irriguardoso nei confronti di chi mette passione, soldi ed il proprio lavoro. L’atteggiamento, la voglia di fare e combattere devono dominare ciò che fai. Se invece non sei pronto per giocare o non hai la volontà per giocare o metti la tua cattiva prestazione sopra a quello che può essere un sacrificio da fare per la squadra, allora vengono fuori partite come queste che, a mio modo di vedere, non devono più accadere. Ribadisco che si può perdere ma questo modo non è accettabile ed ognuno deve rendersene conto perché io sono qui a mettere la mia faccia e come allenatore, prendo le mie responsabilità ma le prendo dal punto di vista tecnico – tattico nelle scelte di come gestire la partita e cosa fare. Ma non posso anche sostituirmi nell’essere uomo e persona di ogni singolo giocatore perché qui ognuno deve prendersi le sue responsabilità. Questo deve essere per noi un pugno dritto nel naso, durissimo, attraverso il quale ricominciamo, ma ricominciamo con la stessa umiltà e volontà che abbiamo utilizzato nel corso di tante settimane prima che il campionato iniziasse”.


18.10.07 Coach Luca Dalmonte
 
PM Email Web  Top
5626 replies since 5/7/2003, 16:46
 
Reply